Crea sito

Quando gli emigranti eravamo noi: storie che ritornano - Librizzi

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

storie

Storie di emigrazione: quando gli altri eravamo noi
fummo clandestini e protagonisti assoluti dell'emigrazione
i nostri emigrati non erano migliori degli immigrati attuali, anche se molti non lo sanno

Quando gli altri eravamo noi... Dalla relazione dell'Ispettorato per l'Immigrazione del Congresso Americano sugli immigrati italiani, Ottobre 1912:
«Generalmente sono di piccola statura e di pelle scura. Molti puzzano perché tengono lo stesso vestito per settimane. Si costruiscono baracche nelle periferie. Quando riescono ad avvicinarsi al centro affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti. Si presentano in due e cercano una stanza con uso di cucina.Dopo pochi giorni diventano quattro, sei, dieci. Parlano lingue incomprensibili, forse antichi dialetti. Molti bambini vengono utilizzati per chiedere l'elemosina, spesso davanti alle chiese donne e uomini anziani invocano pietà, con toni lamentosi e petulanti. Fanno molti figli che faticano a mantenere e sono assai uniti tra di loro. Dicono che siano dediti al furto e, se ostacolati, violenti. Le nostre donne li evitano sia perché poco attraenti e selvatici sia perché è voce diffusa di stupri consumati quando le donne tornano dal lavoro. I governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare tra coloro che entrano nel paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, attività criminali»

Privacy Policy
 
Torna ai contenuti | Torna al menu